Home
 Siamo al KunstWerke, sempre Mitte, sempre Berlino

Una lunga fila di bottiglie di birra vuote, disposte lungo le pareti del corridoio che conduce alla sala principale del KunstWerke, il centro d’arte contemporanea di Mitte. Si tratta dell’indizio di un mega evento caratterizzato dal consumo della bevanda più popolare della Germania. Prova inconfutabile è anche l’odore o meglio l’afrore: un mix tra birra-sigaretta-ambiente chiuso. Sotto le scarpe scricchiolano frantumi di vetro, tappi di bottiglia s’incastrano nei tacchi, la camminata diventa passo dopo passo più allarmante.
A un certo punto si staglia ciò di cui tutta Berlino parla: la piramide di cartoni di birra di Cyprien Gaillard. 10.750 scatoloni della marca turca Efes (quanto fa in totale? 72mila bottiglie, signori!) sono stati impilati per costruire uno ziqqurat alto 4 metri. I visitatori sono invitati a scalare la “birramide”, prendersi una bottiglia e contribuire in quel modo alla continua scomposizione della scultura. Cyprien Gaillard combina in Recovery of Discovery il termine di oggetto trovato (qui la birra) con la teoria della Scultura Sociale di Joseph Beuys.
Una lunga fila di bottiglie di birra vuote, disposte lungo le pareti del corridoio che conduce alla sala principale del KunstWerke, il centro d’arte contemporanea di Mitte. Si tratta dell’indizio di un mega evento caratterizzato dal consumo della bevanda più popolare della Germania. Prova inconfutabile è anche l’odore o meglio l’afrore: un mix tra birra-sigaretta-ambiente chiuso. Sotto le scarpe scricchiolano frantumi di vetro, tappi di bottiglia s’incastrano nei tacchi, la camminata diventa passo dopo passo più allarmante.
A un certo punto si staglia ciò di cui tutta Berlino parla: la piramide di cartoni di birra di Cyprien Gaillard. 10.750 scatoloni della marca turca Efes (quanto fa in totale? 72mila bottiglie, signori!) sono stati impilati per costruire uno ziqqurat alto 4 metri. I visitatori sono invitati a scalare la “birramide”, prendersi una bottiglia e contribuire in quel modo alla continua scomposizione della scultura. Cyprien Gaillard combina in Recovery of Discovery il termine di oggetto trovato (qui la birra) con la teoria della Scultura Sociale di Joseph Beuys.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s